lunedì 19 dicembre 2016

Devo chiudere " A piedi Nudi", devo riporre i miei appunti sull'ultima pagina, perché siamo arrivati alla fine.
1 dicembre 2013-1 dicembre 2016, tre anni di pagine scarabocchiate in questo blog.
Pensieri, commenti, foto, emozioni, canzoni, testi...io!
Mi hanno detto che devo mettermi le scarpe, che il momento è arrivato!
Il momento è arrivato sì, perché i miei tre anni missionari sono finiti, ma questo non significa che metterò le scarpe.
"A piedi nudi" come già avevo scritto, per me rappresenta un modo di essere, che fa parte del mio voler conoscere e camminare con semplicità in questa Vita, senza artifici, senza barriere, senza esclusioni. Sentendo la "nuda Terra" e quello che ci offre. Terra fatta di popoli, culture, diversità, storie, umanità, Vita, toccata nella sua profondità e bellezza, nel suo bene come nel suo male.
Un denudarsi e un imparare a farlo, quello che poi, la missione insegna: scoperta di sé, degli Altri e anche di Dio.
"Tira as sandálias dos pés, porque o lugar em que te encontras é uma terra santa"
"Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo in cui cammini è una terra santa".
E così ho fatto.
Ho camminato per tre anni a piedi nudi in questa terra di missione, in Brasile.
Sono stati anni che ho amato, che mi hanno visto cambiare, che mi hanno visto affrontare difficoltà, ma con una metamorfosi sempre continua, collocando al centro il desiderio di andare avanti, scoprire, scoprirmi, imparare, camminare...
Scopri un Dio pellegrino che cammina attraverso i tuoi passi, un Dio che ha i volti delle persone e delle storie che incontri, un Dio di straordinaria bellezza nella difesa della Vita e per la Vita.
Scopri lati di te che aggiusti e lavori, apprezzi e modelli, conosci e costruisci.
Scopri il piacere e la dedizione per il tuo servizio, che ti fa battere il cuore nel dono di te e nel ricevere il dono degli Altri.
Scopri le lotte di giustizia e di coscienza, una presa in carico verso responsabilità che mai più vuoi abbandonare.
Scopri la Vita nei suoi lati peggiori, imparando a non aver paura e nelle suoi lati migliori, che ti portano ad amarla sempre di più. Essere innamorati della vita è il segreto della felicità!
Sono grata a chi ho incontrato in questo mio cammino, a chi mi ha amato, curato, protetto, insegnato, scosso e anche a chi ha fatto il contrario, perché sempre mi ha insegnato qualcosa: a migliorarmi!
Porto con me nomi, volti, sapori, odori, situazioni, emozioni che sono scritte con un inchiostro indelebile, tatuate nel cuore e nella testa.
 Porto via con me il mio amore per la pastorale carceraria e la lotta per un carcere più umano e dignitoso.
Gratitudine è il filo rosso che scrive queste mie parole, forse le ultime, su questo taccuino virtuale, che nell'ultimo periodo ho un pò trascurato, ma sempre portato avanti in qualche modo.
Felice dei mie tre anni, felice della mia scelta missionaria, di vivere in una periferia di mondo esistenziale e strutturale, ma piena di umanità e forza.
Grata ai lmc e ai padri Comboniani.
Grata a Colui che ha guidato i mie passi e a chi a voluto togliersi le scarpe insieme a me!
Andiamo avanti....continuiamo il cammino, costruendo percorsi che nascono dalle storie che ci portiamo dietro, nasciamo e rinasciamo in queste storie.
La saudade batte già nel mio petto, con lacrime silenziose che mi portano a dire: non sarà un addio, ma semplicemente un arrivederci.
Arrivederci amato Brasile, ma soprattutto GRAZIE.


Era novembre 2013, la partenza....

Ho scelto di vivere nelle periferie del mondo.
Ho scelto di vivere senza tenere le mani in tasca.
Ho scelto di vivere senza tenere le parole sospese in aria, ma di sporcarle con la terra.
Ho scelto di vivere senza barriere di protezione o cinture di sicurezza allacciate al futuro, ma semplicemente a piedi nudi sul presente.
Ho scelto di vivere cercando di mettere in pratica i valori in cui credo, perché i valori non si dicono, si vivono.
Ho scelto di camminare su strade incerte per poter incontrare storie fatte di sguardi ed emozioni.
Ho scelto di non essere neutrale e di parlare senza avere paura, accogliendo il silenzio solo come balsamo per l'anima.
Ho scelto di vivermi nella lotta e nei canti di giustizia in alcune parti del mondo e di unire la mai voce alle loro canzoni.
Ho scelto di unire piedi, testa e cuore in azioni che prendano respiro nel mio agire quotidiano.
Ho deciso di smettere di riflettere sulla vita e di iniziare a viverla....semplicemente a piedi nudi.

......dicembre 2016 il ritorno. Continuando a camminare.

Emma Chiolini, lmc



Quando si arriva all'aeroporto di Belo Horizonte prendendo l'aereo e buttando uno sguardo dall'alto, prima che la bellissima terra del Minas Gerais ti accolga, puoi vedere la sofferenza e lo squarcio di alcune montagne.
Crateri aperti, dilaniati, mangiati e consumati dall'industria mineraria.
Sembrano buche enormi che si allargano sempre più. Ferite a cielo aperto.
In Brasile è ancora viva la tragedia di Mariana, successa un anno fa, uno dei più gravi disastri ecologici a livello mondiale, dove un'ondata di fango tossico (contenente mercurio, piombo e cromo) ha investito km e km di terra fino arrivare all'Oceano Atlantico, nello Espirito Santo, distruggendo nel suo tragitto il villaggio di Bento Rodrigues, flora, fauna e tutto ciò che incontrava, con 19 morti a suo seguito.
Distruzione che ha portato a contaminare le falde acquifere e la morte del fiume Doce.
L'industria mineraria è spesso gestita da grande imprese multinazionali, che senza scrupoli distruggono montagne, mettendo in pericolo la popolazione locale e l'ambiente.
Il profitto e il capitale sono le uniche regola che muovono pedine politiche ed economiche, distruggendo la Vita nella sua totalità.
Mi ha fatto una grande tristezza vedere montagne così consumate, che veramente sembrano mangiate. Dall'alto si ha tutta un'altra prospettiva, che permette di avere una visuale più ampia, totale.
Vedere le differenze, una natura intatta e incontaminata e una dilaniata e sofferenta.
Fa male tutto questo scempio, fa male per l'umanità intera, che spesso non curante o impotente accetta una distruzione che porterà ad un baratro per il mondo intero.
Vita che soffre, Vita che grida, Vita che muore.
Queste le mie riflessioni dal finestrino di un aereo, guardando la terra dall'alto.
Prendiamoci cura di questa Mondo, prendiamoci cura gli uni con gli Altri, prendiamoci cura della Vita, cerchiamo di esseri umani non solo nel male, ma soprattutto nel bene.
Ciao adorato Minas Gerais, che possa soffrire il meno possibile, anzi, che smetterai di soffrire.







domenica 13 novembre 2016

Trindade do mar

La Comunitá Trindade ha anche un piccolo gruppo, che fa sempre parte della Comunitá, che vive nel'isola di Itaparica, pochi km dalla cittá di Salvador, tant'é che dall'isola la si vede da lontano.
Si vive sempre in una chiesa antica, abbandonata, che la diocesi ha messo a disposizione della Comunitá. Dicono che questa chiesa ha piú di trecento anni!!!
Si affaccia sul mare e l' unico rumore che si sente é il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli e il canto degli ucccelli.
L'azzurro del mare si congiunge con l'azzurro del cielo, un azzurro che cambia tonalitá dal turchese al blu, che si perde in lontananza.
E' un posto che amo molto, di pace, di tranquillitá, di meditazione.
Si chiama Trindade do mar....Trinitá del mare.
Qui vengono le persone della Comunitá che hanno bisogno di fare un periodo di recuperazione, di allontanarsi dalla cittá e da situazioni di dipendenza molto forti.
 È anche un luogo dove stare in pace e meditare.
Come é nello stile della Comunitá, si vive con poco e in semplicitá.
Bisogna adattarsi e arranggiarsi.
Per es. c'é poca acqua, non bisogna sprecarla e usarla in eccedenza.
Questo ti insegna come aver cura del suo utilizzo e di come é preziosa.
Non c'é il bagno o meglio c'é il vaso sanitario, ma non c'é la doccia.
Ci si lava dentro un secchio e si procurano le strategie per avere un buon successo nel farlo!!
L'altro giorno sono riuscita a lavarmi corpo e capelli insieme in un unico secchio d'acqua e ce l'ho fatta!Non c'é acqua calda, ma Marcio che sta passando un periodo lí, me ne ha procurato un pó  da quella avanzata dalla cucina, l'ho mischiata con quella fredda e...meraviglia, mi sono fatta una doccia e capelli completa!
Che felicitá! Che felicitá apprezzare cose che nella vita dai per scontato.
Che sensazione di libertá il vento sul corpo nudo, perché il bagno é all'aperto, il rumore e la vista del mare e il riuscire a fare tutto senza troppi aggeggi o con un uso sproporzionato delle cose.
 Semplicitá, pura e essenziale semplicitá.
Quello che abbiamo perso nei nostri tempi moderni.
Basta cosí poco per vivere, l'essenziale, con cura e impegno.
Siamo talmente abituati ad avere tutto, che ci riempiamo sempre piú, sempre di piú, ma di cose che alla fine sono superflue, che non sono necessarie.
Alla Trinidade do mar si fanno, anche, piccoli lavori di artigianato, in particolare mosaici con pietre.
Vania, della Comunitá, é responsabile in questo settore e insegna agli altri.
I lavori che si realizzano si vendono fuori, cosí che possono essere una piccola entrata economica.
Devo dire che questa esperienza in Brasile mi sta insegnando molto anche dal punto di vista di lavori di artigianato, sto imparando tante cose e vedendo lavori bellissimi realizzati con poco e con materiale di scarto. Dal gruppo di donne del Minas, dall'esperienza di Espaço Esperança con i bambini-adolescenti, a qui in Salvador!
L'arte come terapia, come aiuto economico, come creativitá, come bellezza nell'esprimersi.
Oltre all'artigianato, ci si prende cura del giardino, si procura la legna per preparare il pranzo e la cena, non c'é il gas. Ci si prende cura del luogo e del benessere della Comunitá e di tutti, ognuno con un compito diverso. Ogni sera dopo la cena, ci si divide il lavoro per il giorno successivo
Si vivono sempre momenti di preghiera e di condivisione comunitaria.
C'é molto tempo per lo spazio personale, io ne approffitto per farmi delle camminate sulla spiaggia, cercando conchiglie e avere idee per possibili lavori che si possono realizzare con queste.
Per es una amica della Comunitá con le conchiglie realizza piccoli presepi.
Sono giorni di meditazione, pensieri, lunghi respiri e...chiaccherate tra me e il mare.
Abitare in questa Chiesa mi da la sensazione di abitare con Dio...o meglio che Lui abita con noi!
É una bella sensazione, di pace!
E é in questa pace che le persone ricercano quel senso della vita che avevano perduto o abbandonato.
Una settimana nella Trindade do mar...poi si ritorna in Salvador nella Comunitá Trindade.

Ritorneró alla Trindade do mar l'ultima settimana di permanenza in Salvador per sostituire Vania, che stará fuori alcuni giorni. Mi fa piacere perché saranno gli ultimi giorni prima di tornare in Italia, avró bisogno di riempirmi di quella pace e di quello spirito che mi aiuterá a saper vivere questo nuovo momento di transizione, lasciare il Brasile per tornare a casa.
La malinconia sta giá bussando alla porta, a me il coraggio di dargli poco spazio.



Trindade do mar, luogo di pace!







Vania, Carlos, Gilberto, João Paulo, Marcio, io...Emma










 
mosaico realizzato da un ex moradore de rua, tema: la creazione





A piedi nudi! Sempre!










 João Paulo!! Molti anni vissuti per la strada.


 Piccoli lavori di artigianato....il mio, che sto realizzando, é la croce dai colori bianco e rosso
Ci sto provando!!


 Mosaico fatto sempre dalla Comunitá





Chiedimi se sono felice??











domenica 30 ottobre 2016

Sono molto contenta che la CNBB (conferenza episcopale dei Vescovi Brasiliani) ha preso posizione contro la PEC 241 dichiarandola ingiusta e selettiva.
Si é schierata a favore dei lavoratori e delle classi piú povere che subiranno questa riforma economica voluta dal governo. Una riforma che limita i costi nella salute, educazione, servizi sociali congelando finanziamenti e aiuti per 20 anni.
La qualitá della vita sta crescendo in Brasile, ma non cresce il salario minimo, i servizi di qualitá, gli aiuti sociali, l'educazione che sprofonderanno sempre  piú in basso con questa riforma.
 Mi piace quando la CNBB dichiara che é necessaria una mobilitazione popolare da parte della societá civile organizzata per superare la crisi economica e politica e che é importante che ogni riforma, questa in particolare, sia discutibile democraticamente tra Governo e  societá civile.
Sempre si subisce e si é succubi di un potere che non domanda, ma che obbliga.
In gioco c'é la vita di molte persone e in particolare delle classi piú povere e vulnerabili, a cui non si chiede mai il permesso, le si esclude a priori senza nessun valore e importanza, dimenticando la dignitá e il rispetto per ogni essere umano, indipendentemente dal suo conto corrente!!
 I soldi devono servire e non governare, la Vita non deve essere un mercato.

NO alla PEC 241!!!

giovedì 27 ottobre 2016

Ci sono tante vergogne nel mondo, ma proprio tante!
C'é l'imbarazzo della scelta su quale mettere la prima nella lista, ma non ho intenzione di sporcare questo foglio bianco scrivendo le oscenitá, atrocitá, stupidaggini, che riempiono questo nostro e meraviglioso mondo, ne ho voglia di aumentare l'intensitá della mia gastrite che a volte si fa sentire.
Scriveró solo due grandi scemenze e idiozie che ho letto oggi e in questi giorni.
La prima riguarda l'Italia.
Premetto che in questo periodo non ho molto acceso a internet, ne all'utilizzo del pc, ma questo pomeriggio mi sono trovata a leggere quello che é successo ieri (credo) in una cittá chiamata Gorino, provincia di Ferrara. I cittadini hanno fatte barricate per impedire il passaggio dell'autobus con 18-20 immigrati diretti in un ostello che li avrebbe accolti. La maggior parte di questi immigrati erano donne e bambini. Che vergogna!!! Siamo arrivati a fare la guerra tra poveri!
Cosa sta diventando questa Europa che non é piú capace di creare una cultura dell'accoglienza, dando sempre piú spazio a forme di idiozia, razzismo, violenza.
Addirittura creare barricate in mezzo alla strada, come se si volesse una guerra, anzi creando guerra, che é quella dell'indifferenza, dell'esclusione, dell'ignoranza, dell'egoismo, della cattiveria, della stupiditá, del proprio interesse.
Non si é piú capaci di guardare il mondo attraverso il volto degli Altri, attraverso le loro storie, le loro situazioni, la parola empatia é cosí carica di ferite che non riesce piú a reggersi in piedi...sta scomparendo! Le persone rimangono attaccate al loro ombelico, incapaci di alzare la testa e scorgere di come veramente funziona il mondo. Siamo nell'epoca della filosofia del proprio orticello o si salvi chi puó o prima noi e poi voi, dimenticando che il noi é in quel voi, in quell'io, in quel tu, in quel tutti che vivono su questa Terra. Ci si dimentica la responsabilitá di curare questa Casa Comune, che é il nostro pianeta, con tutti i suoi abitanti, con tutte le sue creature. Perché ognuno di noi é responsabile di come funziona questo mondo, di come sta il mondo.
Da quando vivo in Brasile ho sempre vissuto momenti di incontro e di accoglienza, nessuno ha mai escluso nessuno, anzi la cultura dell'ospitalitá é sacra. Per chi arriva all'ultimo momento c'é sempre pronto un piatto o un caffé che non si nega mai e se manca lo si prepara. Nessuno ha mai detto "non c'é posto per te", ma il contrario. Ora che sto vivendo nella Comunitá Trindade, vedo come l'accoglienza e in particolare con chi é escluso é fondamenta di questa Comunitá. Non importa da dove vieni e chi sei, importa che ci sei. La conoscenza avviene attraverso la reciprocitá, lo stare insieme, la prossimitá. Ci si conosce stando vicini, non stando lontani, ne fabbricando muri o barricate che dividono, separano e fanno solo del male!

Altra notizia é la riforma economica che sta passando qui in Brasile, PEC 241.
Questo governo, golpista (non smetteró mai di dirlo) sta facendo passare una riforma che bloccherá per venti anni investimenti pubblici da destinare a sanitá, educazione, assistenza sociale.
Per ridurre l'indebitamento del paese ecco nuovi tagli, su tagli e addirittura congelarli!!!
Senza investimenti nei settori piú importanti come scuola, istruzione, sanitá, servizi sociali il paese rischierá di retrocedere e aumentare le disuguaglianze tra ricchi e poveri, che giá sono enormi.
Si continua a creare povertá e ingiustizia, privilegi e discriminazioni.
Si stanno tagliando le gambe ai diritti sociali. Quello che si era guadagnato e conquistato nei governi precedenti (Lula e Dilma) sta per essere colpito e abbandonato, attaccando e marginalizzando le classi sociali piú povere.
La bussola degli interessi con questo governo sta ruotando completamente verso i privati e le classi sociali piú ricche.


lunedì 24 ottobre 2016

Salvador!
Sono quasi alla fine del mio percorso missionário durato tre anni, in questa amata terra brasiliana, che mi ha dato e insegnato tanto.
Giá sento saudade per quando succederá, una saudade che mi chiamerá alla memoria volti, situazioni, storie, momenti importanti che hanno segnato questa mia esperienza in missione e che mi hanno cambiato, che ho permesso di cambiarmi, di crescere un pó di piú.
Perché é bello cambiare quando la Vita ti mostra percorsi che fanno solo bene al cuore, nel bene come nel male.
La missione é anche crescita, incontro con gli Altri, incontro di Te in questi Altri, incontro con Dio in un Noi, in un Tu.
Scopri un Dio che é  pellegrino, in cammino e che non smette mai di stupirti.
Un  Dio che cammina a piedi nudi insieme a te: "togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale cammini é una terra santa!” 
Cosí ho fatto, ho camminato a piedi nudi nella meraviglia della scoperta e dello scoprirmi, sapendo che Dio camminava insieme a me.

 Ho scelto di terminare questi tre anni di vita missionária in Salvador de Bahia, presso una Comunitá che accoglie moradores de rua: la Comunitá Trindade.
 E´una esperienza completamente differente da come ho vissuto fino ad ora.
Ho lasciato il mondo carcerário, che spero continuerá in Italia,  per conoscere un’altra realtá sociale  molto dura e sofferta, quella di chi vive per la strada.
La Comunitá Trindade esiste da 10 anni e si trova in um bairro vicino  al porto e a un viadotto dove si incontrano molti moradores de rua.
La casa e’ una chiesa che non é piú attiva, diventata rifugio e dimora momentanea per chi decide di recuperare la propria vita o almeno provarci
Tutto viene fatto con una certa gradualitá, continuando a dormire per terra, dentro questa chiesa e iniziando una recuperazione che nasce da dentro, attraverso l'autostima e la ricerca della propria identitá.
Quando si vive per la strada si perde tutto, non solo cose materiali, ci si abbassa ad un punto tale da non riconoscersi piú, perdendosi in un nulla che ti divora, dove alcool e droga ti consumano quotidianamente. 
Non sai piú chi sei e non hai piú sogni da costruire.
La fame, il freddo, la ricerca di un posto sicuro dove dormire diventano le tue prioritá giornaliere.
La dipendenza da alcool e droga ti portano a vivere di espedienti, rubando o prostituendoti fino a perdere la propria dignitá.
Questa Comunitá é nata dall'incontro di fratello Henrique, francese, e un moradore de rua, che trovandosi a cercare un rifugio per dormire incontrarono questa chiesa abbandonata.
Fratello Henrique é un monaco peregrino che anni fa ha scelto di vivere per la strada per conoscere direttamente il dramma dei moradores de rua, facendosi prossimo e vivendo con loro per strada.
. Adottó questa chiesa come rifugio per la notte, fino a diventare con il passare degli anni una Comunitá, una casa per chi non aveva una casa e una speranza di vita.
Oggi accoglie 35 persone tra uomini e donne.
La Comunitá Trindade non rappresenta qualcosa di definitivo, ma un momento di passaggio, di transizione. 
Un luogo dove uscire  dalla dipendenza di alcool e droga, trovare un lavoro, rimettersi in piedi dopo anni di vita passati in strada.
uta e collabora, per il suo mantenimento e benessere.
Dalla cucina, alle pulizie, al giardinaggio, ai lavori di artigianato, tutti collaborano e sono utili, ognuno con le sue capacitá e limitazioni. Anch’io ho il mio cartone dove dormo per terra e aiuto in tutto.
Sto imparando a conoscere cosa significa fare questo, riporre com cura quel cartone che rappresenta Il tuo materesso, riavvolgerlo per riaprirlo la notte successiva. Quando cammino per strada, adesso, e vedo um cartone abbandonato per terra, mi viene da esclamare: “To´guarda um letto!” perché per qualcuno rappresenta proprio questo, la sua casa di strada. La missione ti aiuta a vedere le cose da altri punti di vista, in particolare da punti dove difficilmente le persone vogliono sostare, guardare. Imparare a conoscere come si vive con poco, cosa significa dormire per terra, avere fame, non avere la possibilitá di lavarsi, cosa significa vivere nelle periferie dell'esistenza.  
Poco alla volta, con delicatezza e disponibilitá, sto conoscendo le storie delle persone che abitano nella Comunitá: storie di strada, di droga, di álcool, di abbandoni e violenza.
 Le parole che raccontano sono dure e sofferte, piene di cicatrici. 
Anche in questa esperienza, come quella della pastorale carceraia, incontro l'insegnamento piú bello e importante: imparare ad ascoltare senza giudicare e nell'ascolto farsi prossimo.
Nella Comunitá c'é anche un piccolo giornale di strada "Aurora

da rua" scritto dai moradores de rua, che parla della loro situazione, vita, storie e dell’importanza del reciclare. Si, perché molti lavori di artigianato, sono fatti da materiali di scarto e da rifiuti. C’é una grande pedagogia dietro, che é quella di costruire cose belle e ancora utilizzabili da materiali che si considerano senza valore o scarto. Cosí come si considerano i moradores de rua o i carcerati pensando alla pastorale carceraia o chi é escluso dalla societá. Tutto rinasce e prende vita, una nuova Vita. 
Il giornale poi aiuta a.diffondere notizie e realtá vere sui mordores de rua, che spesso vengono discriminati, esclusi, abbandonati, giudicati. Ci sono storie che ti toccano il cuore e che ti aiutano a capire la profonditá di certe realtá, cosí dure e sofferte.
Il giovedí sera la Comunitá apre le porte ai moradores de rua del progetto “Levantate e Anda”(Alzati e Cammina), é un progetto creato dalla Comunitá stessa in collaborazione con la diocesi di Salvador.
La Chiesa purtroppo non puó ospitare molte persone e il problema della strada é enorme.
Il progetto é uno spazio dove si offre attendimento psicologico, si aiutano a fare documenti: carta di identitá, libretto di lavoro; attivitá ricreative, possibilitá di lavarsi, vestirsi, per chi vive in strada.
Il giovedí sera chi vuole, viene a conoscere la Comunitá, fare un momento di preghiera, cenare insieme e dormire in un .
Sono piccoli passi che aiutano a prendere coscienza, avere momenti di socializzazione, condividere un pasto, avere un posto tranquillo e pregare insieme..
Il giovedí sera é aperto a tutti, anche ai visitanti, persone di fuori che vogliono partecipare e condividere questo momento.
 E’ un momento di grande emozione, si vive nei gesti concreti Il Vangelo di Gesú che invitava tutti  alla stessa tavola, per condividere il pane e stare insieme, tutti, nessuno escluso. 
E” un Vangelo incarnato nella Vita e con la Vita, é il Vangelo a cui credo, dove incontro Dio e il suo Volto e questo Volto ha tante storie, tante ferite, bellezze. Per questo mi piace l'espresione di un Dio che é Pellegrino e che é in cammino, é dentro ognuno di noi, cammina e abita nelle nostre storie.

Sono grata per questa scelta e questo mio ultimo mese e mezzo in questa bella e importante Comunitá di Vita. 
Il mio non sará um addio al Brasile, ma um arrivederci, perché le relazioni che ho creato, le persone che hanno camminato com me e che mi hanno insegnato a camminare non le abbandoneró nei ricordi, com  tutti loro sará un arrivederci.
Dio respira attraverso il nostro cuore.


                                            Comunitá Trindade


                                            Il mio letto


mercoledì 12 ottobre 2016